venerdì 16 dicembre 2011

Anatomia - Le vie aeree


Le vie aeree si possono suddividere in due aree: le vie aeree superiori, che comprendono naso, faringe e laringe, e le vie aeree inferiori che invece sono formate da trachea, bronchi e polmoni.

Passeremo ora in rassegna quelli che sono i caratteri distintivi di ogni organo delle vie aeree ad eccezione dei polmoni che necessitano di un post a se stante.

Il naso, o piramide nasale, è formato dal naso esterno e dalle cavità paranasali a cui sono annessi i seni paranasali.
La mucosa nasale, altrimenti detta mucosa respiratoria, è formata in profondità da un epitelio di cellule mucipare a forma di calice mentre più in superficie sono presenti delle ciglia vibratili.
Quando l'aria entra dal naso, viene quindi pre-riscaldata (grazie alla vascolarizzazione), umidificata e depurata dal momento che il muco trattiene il pulviscolo mentre il movimento ondulatorio delle ciglia ne facilita l'espulsione spingendolo verso la faringe.




La faringe, organo in comune anche con l'apparato digerente per quanto riguarda il passaggio del cibo, è possibile distinguerla in tre parti: la rinofaringe o parte nasale superiore, orofaringe o parte orale media, e laringofaringe inferiore. La faringe è rivestita dalla mucosa respiratoria nella quale sono presenti degli accumuli di tessuto linfoide che prendono il nome di tonsille



La laringe è situata tra la faringe e la trachea ed è formata da uno scheletro cartilagineo, consente il passaggio dell'aria ed è inoltre fondamentale per la fonazione grazie alle corde vocali.


La laringe prosegue nella trachea e, a livello di T4 si biforca nei due bronchi principali. È formata da 15-20 anelli cartilaginei che formano lo scheletro dell'organo aperti posteriormente uniti da una parte membranacea. Il bronco destro è più corto e di calibro maggiore rispetto al controlaterale.
La parete della trachea e dei bronchi principali è formata da 4 tonache: la tonaca mucosa (mucosa respiratoria), la tonaca sottomucosa (connettivo lasso), la tonaca muscolare fibrocellule muscolari lisce) e la tonaca fibrosa (connettivo denso)
il compito della trachea è anche quello di riscaldare ed umidificare l'aria che passa evitando quindi che arrivi troppo fredda e secca nei polmoni.


La trachea prosegue con i bronchi principali che, ramificandosi, danno origine all'albero bronchiale.
3 bronchi lobari per il polmone destro e 2 bronchi lobari per il polmone sinistro. Man mano che prosegue la ramificazione dei bronchi questi diventano sempre più piccoli e di minor calibro fino ad arrivare agli acini polmonari che rappresentano l'unità funzionale dei parenchima polmonare. La parete degli alveoli negli acini bronchiali è composta da piccole cellule alveolari (pneumociti di primo tipo) e da grandi cellule alveolari (pneumociti di secondo tipo) che secernono una sostanza tensioattiva. Gli alveoli rappresentano la barriera aria-sangue attraversata passivamente da O2 e CO2.

                         



Nel prossimo post, come accennato in precedenza, affronterò l'anatomia dei polmoni.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...