lunedì 24 dicembre 2012

I migliori auguri!



Siamo arrivati alla vigilia di Natale, abbiamo affrontato un 2012 molto difficile per le molto discutibili decisioni prese da chi governa il nostro Paese, siamo sopravvissuti al famigerato 21 dicembre profetizzato dai Maya, abbiamo affrontato e superato quei piccoli/grandi problemi che ogni giorno ci vengono proposti da quel simpaticone del fato.

Con questo post chiudo i miei aggiornamenti per l'anno 2012, superando i 19.000 contatti.

E' motivo di orgoglio e soddisfazione avere tante persone che leggono, si informano e si rivolgono a me per qualche consiglio inerente le scienze motorie.

Ringrazio pubblicamente la mia Principessa, che mi sostiene e mi aiuta nella gestione di questo blog.  Ti amo Dany!
Auguro a tutti voi lettori e simpatizzanti di passare un Santo Natale felice, sereno e circondati dal calore e dall'affetto delle persone a voi care. Vi auguro inoltre di iniziare il 2013 nel migliore dei modi, cercando - con la vostra forza d'animo - di risolvere tutti i vostri problemi e migliorare la vostra qualità di vita e salute.

Francesco

sabato 22 dicembre 2012

I danni del fumo

-->
Quando si accende una sigaretta, le sostanze tossiche che si liberano durante la combustione si aggregano sullo strato di tabacco successivo (non ancora bruciato); di conseguenza, ad ogni “tiro” la loro concentrazione aumenta talmente tanto che, alla fine della sigaretta, quadruplica.
Alcuni degli agenti tossici sviluppati durante la combustione della sigaretta sono i seguenti:
  • agenti tossici: ossidi di azoto, ammoniaca, monossido di carbonio, formaldeide, acetaldeide, acroleina, acido cianidrico, nicotina e altri alcaloidi, metalli (cadmio, arsenico, nickel, piombo), fenoli
  • agenti cencerogeni: nitosamine, formaldeide, amine aromatiche, idrocarburi aromatici policiclici, composti radioattivi (polonio 210, radon), benzeni. 


 
Il materiale che si ritrova nel filtro per effetto della combustione si definisce "catrame".
Si è cercato di ridurre le concentrazioni di catrame e di nicotina presenti nella sigaretta, modificando le tecniche di crescita e di trattamento del tabacco, filtrando e diluendo il fumo attraverso l'uso di filtri di acetato di cellulosa e carbone attivo.
Il monossido di carbonio, invece, non è trattenuto da nessuno dei filtri oggi disponibili.
Ovviamente polmoni vengono compromessi e contaminati da molti agenti tossici e lesivi trai quali:
- Azione citolitica (ditruzione della cellula) diretta sulle cellule brachiali e parenchimali;
- Ridotta rimozione delle sostanze nocive a livello delle vie aeree per compromissione della dinamica delle cilie ed importanti modificazioni a carico delle proprietà visco-elastiche del muco, per azione diretta sulla sua composizione e secrezione;
- Degradazione delle componenti della matrice extracellulare ed alterazioni delle strutture connettivali di sostegno, esposte all'azione degli enzimi proteolitici rilasciati dalle cellule infiammatorie;
- Ossidazione diretta sull'alfa-1-antitripsina che determina la riduzione fino al 50% dell'attività di questo enzima; la riduzione dell'alfa-1-antitripsina è responsabile delle lesioni distruttive della matrice connettivale tipiche dell'enfisema.
Smettendo di fumare il rischio si riduce dopo solo un anno di astinenza. Dopo 20 anni diventa simile, ma sempre un po' superiore a quello di chi non ha mai fumato.
Il fumo è una delle cause principali di malattie coronariche e si stima sia causa di morte nel 30% dei casi.
Aumentato rischio di morte improvvisa.
  • Aumentata mortalità perioperatoria in pazienti con by pass coronarico.
  • Aumentato rischio di morte per aneurisma addominale aterosclerotico.
  • Aumentato rischio di vasculopatia periferica aterosclerotica
  • Azione sinergica con ipertensione ed ipercolesterolemia con forte aumento del rischio di coronaropatia e infarto.
  • Aumentato rischio di malattie cerebrovascolari.
  • Aumentato rischio di sviluppare emorragie cerebrali in donne che usano contraccettivi orali.
Ovviamente il fumo non risparmia neanche il cavo orale:
  • Diminuisce le difese immunitarie nei confronti della placca batterica.
  • Determina un ingiallimento della dentina.
  • Aumenta il rischio di gengiviti.
  • Promuove l'insorgenza del cancro della bocca.
  • Accelera l'invecchiamento della pelle etc.
  • Aumento dell'irsutismo del volto e della raucedine con un rischio relativo per le forti fumatrici (+ di 10 sigg./giorno) di 5,6 per l'irsutismo del volto e di 14,2 per la raucedine.

Rischi per il feto ed il bambino
I neonati nati in famigli di fumatori possono pesare 250-300 gr in meno rispetto a quelli nati in famiglie di non fumatori.
I neonati di madri fumatrici hanno un rischio di mortalità perinatale più elevato.
Esistono dati per associare fumo materno ed aumento di apnea di origine centrale del bambino.
Aumento delle malattie ed infezioni a carico dell'apparato respiratorio inferiore.

Effetti endocrini e matabolici
Aumento dei livelli ematici di catecolamine degli ormoni della crescita, ACTH, cortisolo, prolattina e betaendorfine.
Menopausa precoce nelle donne, con frequenza di osteoporosi più elevata.
Peso corporeo dei fumatori mediamente inferiore di 3-5 Kg rispetto ai non fumatori
Il monossido di carbonio contenuto nel fumo, legandosi con l'emoglobina forma la carbossiemoglobina; quindi, in presenza di anche bassi valori di monossido di carbonio nell'aria, si determinano nell'organismo valori misurabili di carbossiemoglobina (inutile ai fini del trasporto dell'ossigeno).
Il midollo osseo può essere iperstimolato con conseguente policitemia.
La pelle assume un colo grigiastro, perde di elasticità, è avvizzita ed invecchiata. 

Ecco un'immagine riassuntiva:

 Se ancora non vi ho convinto a smettere... o almeno a provarci... gustatevi questo video! 


A VOI LA SCELTA! 

giovedì 6 dicembre 2012

Accordo di programma su fitness e salute

Il ministro per gli Affari regionali, il Turismo e lo Sport, Piero Gnudi, e il ministro per la Salute, Renato Balduzzi, hanno siglato a Roma lo scorso 30 novembre un accordo per il sostegno alle iniziative del Piano Nazionale per la promozione dell’attività sportiva.

I progetti individuati dall’accordo, coerenti con i contenuti del programma “Guadagnare salute”, coinvolgono, in particolare, la Regione Puglia e la Regione Friuli Venezia Giulia, stanziando un importo complessivo di parte statale pari a un milione di euro. 


L’obiettivo è promuovere la pratica sportiva e i corretti stili di vita alimentare, con specifico riferimento agli anziani, ai giovani e ai bambini al fine di favorire il benessere psico-fisico, l’invecchiamento attivo, l’aggregazione sociale e combattere la sedentarietà, prevenendo l’insorgenza di molteplici patologie.

Sull’attuazione dell’accordo vigilerà un apposito comitato tecnico-amministrativo composto da rappresentanti della Presidenza del Consiglio e del ministero della Salute. 
"Dopo gli interventi per l’alfabetizzazione motoria dei più piccoli, quelli a favore dei giochi sportivi studenteschi, quelli per le scuole in aree disagiate e negli istituti penitenziari minorile, parallelamente a quanto avviato in materia di impiantistica sportiva di base - ha dichiarato il ministro per gli Affari regionali, il Turismo e lo Sport, Piero Gnudi - questo accordo conferma e potenzia le politiche attive per lo sport che il governo ha inteso assicurare nonostante la limitatezza delle risorse disponibili.
Proprio per questo, abbiamo puntato sulla governance interistituzionale, ottimizzando la cooperazione con altri soggetti, quali il Miur, il Coni, il Cip e naturalmente le Regioni". Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, conferma "la grande attenzione che in questo periodo il ministero sta dando al tema della prevenzione delle malattie attraverso stili di vita salute-compatibili.
Questo riguarda tutti, ma in particolare la popolazione più giovane e gli anziani.
E’ anche il modo per contrastate l’aumento delle dipendenze: l’attività fisica è un’alternativa di salute alla tentazione di diventare schiavi del gioco patologico, all’abuso di alcol e del fumo". 



fonte: Adnkronos Salute

giovedì 29 novembre 2012

Libri indispensabili sulle scienze motorie

Negli anni di studio e di lavoro, mi sono capitati tra le mani moltissimi libri sulle tematiche della salute e dello sport, alcuni di questi mi hanno fornito nozioni molto utili e idee che ho trasportato nelle mie attività quotidiane: eccovi quindi una selezione dei libri che, a mio parere, non possono mancare nella vostra biblioteca personale delle scienze motorie.
Aggiornerò la lista ogni volta che troverò nuovi volumi  che credo vi possano interessare.
Non esitate a contattarmi se voleste dei consigli su altri testi o se avete altri buoni titoli da consigliarmi.

Buona lettura!

Anatomia:

   

Fisiologia:

   

Biomeccanica:

   

Stretching:


Chinesiologia:

mercoledì 28 novembre 2012

La sindrome del piriforme



Una sciatalgia (dolore irradiato dal nervo sciatico) può essere evocata da diversi fattori quali ernia discale, protrusione, stenosi del canale vertebrale a livello lombare, da un ematoma ai muscoli ischiocrurali o, più spesso di quanto crediamo, dal muscolo piriforme che, contratto, può comprimere il nervo sciatico col quale è in contatto.
Tale condizione, denominata da Yoeman “Sindrome del piriforme” , porta gli stessi identici sintomi di una lombosciatalgia, quindi dolore nella regione glutea che si irradia lungo gli arti inferiori. In uno studio compiuto su 240 pazienti, la SP era stata diagnosticata nel 43% dei soggetti e colpisce prevalentemente le donne in rapporto 6:1.
Purtroppo occorre subito puntualizzare che da uno studio di Silver e Leadbetter (1998) si evince che su 65 medici intervistati il 7% ritiene che la sindrome del piriforme non esista ed il 21% non sia in grado di rispondere, o che quantomeno mostri una forte incertezza sull’argomento. Per queste ragioni la sindrome del piriforme viene spesso misconosciuta ed erroneamente diagnosticata come semplice lombo sciatalgia.

Le cause più frequenti risultano essere:
1) Traumi diretti sul Piriforme;
2) Microtraumi ripetuti alla regione glutea;
3) Interventi chirurgici che vadano a causare aderenze cicatriziali in tale area;
4) Dismetrie degli arti inferiori, scoliosi lombare, iperlordosi lombare;
5) Posture scorrette, protratte nel tempo, che mantengano il Piriforme in tensione;
6) Sovraccarico intenso.
Il muscolo piriforme è generalmente costituito da tre o più ventri che originano medialmente dalla faccia antero-interna del sacro, tra il primo e il quarto forame sacrale, e s’inseriscono mediante un unico tendine, dopo aver percorso il grande forame ischiatico, sulla faccia superiore del gran trocantere.

SintomatologiaDolore e/o parestesie irradiato dal sacro, attraverso il gluteo e lungo l’aspetto posteriore Il dolore migliora con la deambulazione e peggiora senza movimento;
Dolore nel passaggio dalla posizione seduta alla posizione in squat;
Difficoltà nel cammino (andatura antalgica, caduta del piede);
Intorpidimento a livello del piede;


Rapporti anatomici tra muscolo piriforme e nervo sciatico


Il nervo sciatico emerge dalla pelvi attraverso un unico tronco che passa, nel 85% dei casi, anteriormente al piriforme, nel 11 % dei soggetti invece la porzione peroniera del nervo sciatico passa attraverso il piriforme e la porzione tibiale anteriormente al muscolo. Ancora, nel 3% dei soggetti la porzione peroniera del nervo sciatico passa sopra e posteriormente al piriforme e la porzione tibiale anteriormente, mentre nel rimanente 1 % dei casi, il nervo sciatico attraversa il muscolo piriforme; il nervo sciatico, quindi,  può essere sia compresso dal muscolo piriforme contro l’arcata ossea del grande forarne ischiatico sia soffocato all’interno del ventre muscolare.



E’ un extrarotatore ed un abduttore della coscia e partecipa anche alla retroversione del bacino. 
Quando invece l’arto inferiore è sottoposto al carico, sembra che il piriforme intervenga per frenare la brusca rotazione interna del femore, ad esempio nella fase d’appoggio della corsa. Inoltre, quando l’inserzione sul femore è fissa, il piriforme è in grado di produrre un’importante forza rotatoria sull’articolazione sacro-iliaca, spostando la base del sacro in avanti e l’apice indietro rispetto alle ali iliache.

STRETCHING
Lo stiramento statico di un’unità muscolo-tendinea produce una tensione a carico degli elementi elastici in parallelo presenti in essa. 
Lo stretching statico permette inoltre di disattivare i Trigger Point attivi e latenti presenti nel muscolo, diminuendo progressivamente la sintomatologia dolorosa. 
L’adozione dello stretching nel trattamento della Sindrome del Piriforme consente quindi di disattivare i Trigger Point attivi di questo muscolo extrarotatore e di recuperare il normale allungamento del piriforme durante i movimenti di adduzione-intra-rotazione del femore.



sabato 10 novembre 2012

Educazione agli esercizi nelle palestre ginniche

Si è svolto stamane presso l'auditorium dell'ENAIP FVG di Pasian di Prato l'incontro dal titolo "Educazione agli esercizi nelle palestre ginniche".
I relatori sono stati il prof. Giacomo Braida, preparatore fisico professionista e l'ing. Gianpietro De Morelli, master trainer europeo di Spinning e da 15 anni istruttore di fitness.
L'incontro è stato voluto da me, in qualità di insegnante di educazione motoria agli allievi della prima formazione, in quanto, da un questionario compilato assieme ai ragazzi ad inizio anno scolastico, è emerso che molti di loro frequentano il mondo delle palestre senza però averne cognizione di causa. Molti si affidano a internet, a riviste più o meno specializzate, ai consigli dell'amico o, addirittura, si fanno i programmi da soli.
Da questi presupposti il prof. Braida ha posto l'accento sull'importanza di farsi seguire da professionisti del settore, laureati in scienze motorie o diplomati ISEF, per prevenire futuri problemi articolari/posturali e, soprattutto, per non farsi male durante l'esecuzione degli esercizi.
De Morelli ha invece presentato ai ragazzi un nuovo modo di potenziamento tramite il TRX.
Sono stati assegnati 8 premi ai ragazzi che rispondevano correttamente alle domande (4 ingressi al Palagym e 4 buoni per seguire due lezioni di TRX).






giovedì 1 novembre 2012

Lezione all'Università - CdL in Scienze Motorie

Mercoledì 24 Ottobre sono stato invitato dal professor Claudio Bardini, a tenere una lezione ai ragazzi del primo anno del corso di laurea in scienze motorie, presso il centro sportivo Glemonensis.
Il tema della lezione è stato "La ginnastica nell'età adulta ed anziana", con inizio alle 14:00 e termine alle 16:30.
Ho svolto una prima parte teorica, presentando le nozioni teoriche, ed una successiva parte pratica in cui ho proposto agli studenti una carrellata di esercizi dedicati agli adulti.
E' stata un'esperienza molto gratificante, gli allievi si sono dimostrati molto interessati e partecipativi ponendo domande e mettendosi alla prova con esercitazioni specifiche.

Ecco alcune fotografie scattate durante la lezione da Daniela Benedetti (www.inchiostrobianco.com)















venerdì 28 settembre 2012

Articolo su SportTremila!

Per visualizzare correttamente l'articolo cliccare col tasto
destro e selezionare Apri in un'altra scheda 
oppure Salva con nome per leggere l'articolo offline.
    


lunedì 24 settembre 2012

Corso di Ginnastica a Corpo Libero - Trivignano Udinese

Cari amici, 

il giorno 17 Ottobre inizierà il corso di 

Ginnastica a corpo libero

presso la palestra

della scuola primaria 

"M.Gigante"

di Trivignano Udinese

Il corso si svolgerà ogni mercoledì e venerdì
dalle ore 19:00 alle ore 20:00

per informazioni ed iscrizioni
info@francescorosso.net
+39 - 340.58.41.959



Vi Aspetto!!!

sabato 15 settembre 2012

Invasioni Barbariche!!!

Riporto, con autorizzazione dell'autore, un articolo riguardante l'ultima locandina presentata dai fisioterapisti.

***

Pubblichiamo la locandina distribuita in tutta Italia dall’Associazione Italiana Fisioterapisti, 
che da anni continua ad accusare i Laureati in Scienze Motorie di ABUSO DI PROFESSIONE SANITARIA.

 
I fisioterapisti dell’AIFI invece, dall’alto della loro ETICA PROFESSIONALE, dichiarano di essere gli “esperti del movimento e dell’esercizio fisico, e con una conoscenza approfondita dei fattori di rischio, delle patologie e dei loro effetti su tutti i sistemi”, poi sostengono che “I fisioterapisti sono i professionisti ideali per promuovere, orientare, prescrivere e gestire il movimento per migliorare la salute ed il benessere”.

Praticamente sono i nuovi “MESSIA” dell’era moderna, dimenticando che di figure professionali che ruotano nell’ambito della salute ce ne sono anche altre.

Riporto con precisione il profilo professionale del Fisioterapista:

Decreto Ministero Sanità 14 settembre 1994, n. 741 (in GU 9 gennaio 1995, n. 6) Regolamento concernente l’individuazione della figura e del relativo profilo professionale del fisioterapista.

Il fisioterapista è l’operatore sanitario, in possesso del diploma universitario abilitante, che svolge in via autonoma, o in collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici, a varia eziologia, congenita od acquisita.

In riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell’ambito delle proprie competenze, il fisioterapista: a) elabora, anche in équipe multidisciplinare, la definizione del programma di riabilitazione volto all’individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile; b) pratica autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche e occupazionali; c) propone l’adozione di protesi ed ausili, ne addestra all’uso e ne verifica l’efficacia; d) verifica le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale. 3. Svolge attività di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le sue competenze professionali; 4. Il fisioterapista, attraverso la formazione complementare, integra la formazione di base con indirizzi di specializzazione nel settore della psicomotricità e della terapia occupazionale: a) la specializzazione in psicomotricità consente al fisioterapista di svolgere anche l’assistenza riabilitativa sia psichica che fisica di soggetti in età evolutiva con deficit neurosensoriale o psichico; b) la specializzazione in terapia occupazionale consente al fisioterapista di operare anche nella traduzione funzionale della motricità residua, al fine dello sviluppo di compensi funzionali alla disabilità, con particolare riguardo all’addestramento per conseguire l’autonomia nella vita quotidiana, di relazione (studio-lavoro-tempo libero), anche ai fini dell’utilizzo di vari tipi di ausili in dotazione alla persona o all’ambiente. 5. Il percorso formativo viene definito con decreto del Ministero della sanità e si conclude con il rilascio di un attestato di formazione specialistica che costituisce titolo preferenziale per l’esercizio delle funzioni specifiche nelle diverse aree, dopo il superamento di apposite prove valutative. La natura preferenziale del titolo è strettamente legata alla sussistenza di obiettive necessità del servizio e recede in presenza di mutate condizioni di fatto. 6. Il fisioterapista svolge la sua attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.

NON SOLO NEL PROFILO NON SI EVIDENZIANO AFFATTO LE MANSIONI CHE I FISIOTERAPISTI DICHIARANO DI POSSEDERE NEL MANIFESTO. LA COSA GRAVE DI QUESTO MANIFESTO E’ CHE AL COMMA 2 DELL’ART. 1 DEL DECRETO DI CUI AL LORO PROFILO, IL MINISTERO DELLA SALUTE SPECIFICA CHE: “è in riferimento alla diagnosi ed alle prescrizioni del medico, nell’ambito delle proprie competenze che il fisioterapista esercita le proprie funzioni” (Vedi Comma 2 – Art. 1 e lettere seguenti). I FISIOTERAPISTI HANNO SCRITTO CHE LORO SONO I “PROFESSIONISTI IDEALI” IN TERMINI DI “PRESCRIZIONE” DEL MOVIMENTO. LA ”PRESCRIZIONE” E’ UN ATTO TIPICAMENTE MEDICO.


IL 31 MAGGIO 2012, AL MINISTERO DELLA SALUTE, IL  PRESIDENTE ANTONIO BORTONE DICHIARAVA A SUA FIRMA CHE TUTTI I 100.000 LSM ITALIANI, NESSUNO ESCLUSO, SONO DEGLI ABUSIVI.

martedì 28 agosto 2012

Ritornato e ... rigenerato!

Da ieri, Lunedì 27 Agosto, le mie ferie sono ufficialmente terminate.

Dopo due settimane passate nella magnifica penisola sorrentina in cui ho avuto modo di "ricaricare le batterie", eccomi di nuovo operativo più carico che mai.

Proseguiranno i corsi di ginnastica antalgica al Palagym (con inizio il 17 Settembre), il lavoro all' Enaip in veste di professore di educazione motoria, il progetto "la salute vien passeggiando" a Trivignano Udinese ed il lavoro di personal trainer con i privati.

Quest'anno, dopo 3 anni di inattività agonistica dovuta ad impegni lavorativi, ritorno nel mondo del basket nella doppia veste di giocatore e preparatore fisico della squadra "Cestistica Fagagna", militante nel campionato regionale di serie D.

Inoltre ci sono due progetti in partenza nel mese di Settembre di cui vi darò maggiori dettagli nel momento in cui saranno definite date e logistica.

Restate sintonizzati!

Io e la mia dolce metà all'isola di Capri

giovedì 2 agosto 2012

Importanti news sul doping!

E' stata aggiornata la lista delle sostanze e delle pratiche mediche il cui impiego è considerato doping.


La lista è costituita dalle seguenti sezioni:
Sezione 1: classi vietate;
Sezione 2: principi attivi appartenenti alle classi vietate;
Sezione 3: medicinali contenenti principi attivi vietati;
Sezione 4:elenco in ordine alfabetico dei principi attivi e dei relativi medicinali;
Sezione 5: pratiche e metodi vietati.

In particolare, si segnala l’inserimento delle seguenti sostanze:

S1- AGENTI ANABOLIZZANTI
7-α-idrossi-DHEA
7-β-idrossi - DHEA
7-keto- DHEA

S2- ORMONI PEPTIDICI, FATTORI DI CRESCITA E SOSTANZE CORRELATE
corifollitropina alfa

S3-BETA-2 AGONISTI
esoprenalina
isoetarina
pirbuterolo
rimiterolo
tretochinolo
tulobuterolo

S4-ANTAGONISTI E MODULATORI ORMONALI
AMPK, agonisti dell’asse PPARδ-AMP-protein chinasi attivato ad es. AICAR PPARδ agonisti del recettore delta attivato dal proliferatore del perossisoma ad es. GW 1516 vorozolo

S5-DIURETICI E AGENTI MASCHERANTI
argipressina
clofenamide
clopamide
cloroxolone
lipressina
mefruside
meticrane
ornipressina
terlipressina

S9- CORTICOSTEROIDI
cloprednol
cortivazolo
meprednisone
prednilidene

P2-BETABLOCCANTI
mepindololo

mercoledì 1 agosto 2012

Ferie!

Anche quest'anno è arrivato il momento delle ferie!

Le mie attività saranno sospese da 
Venerdì 03 a Domenica 26 Agosto.

Buone ferie a tutti!


venerdì 6 luglio 2012

Per uno sport sicuro servono laureati in Scienze Motorie!

Per far sì che servizi e strutture sportive siano sempre più efficienti, è necessario che i manager del settore siano laureati in scienze motorie. E' questo l'obiettivo del protocollo d'intesa, firmato a Bari, tra la Regione Puglia e le università di Bari e Foggia.


Fonte: www.antennasud.com




Complimenti vivissimi alla Regione Puglia e a tutti i professionisti che si sono impegnati per rendere possibile il protocollo d'intesa.

martedì 3 luglio 2012

La camminata salva vita

Cari lettori,
vi rimando all'articolo "La camminata salva vita: bastano 20 minuti al giorno", tratto dal sito www.quotidianosanita.it, in cui si parla degli effetti benefici del camminare.
Buona lettura!


mercoledì 6 giugno 2012

La salute vien passeggiando 2012

Lunedì 4 Giugno è ripartito il progetto 
"La salute vien passeggiando" a Trivignano Udinese.

Dopo il successo della scorsa edizione, anche quest'anno 
ci ritroviamo presso la sala parrocchiale di Trivignano Udinese 
ogni lunedì e mercoledì alle 19:30.


Ti aspettiamo!


sabato 26 maggio 2012

Sport a ruota libera "attività in-disciplinate"


Si è svolta questa mattina all’ENAIP FVG la giornata dal titolo “Attività in-disciplinate”.
I ragazzi del primo e del secondo anno sono stati impegnati dalle 09:00 alle 11:10 in attività sportive, sono stati loro proposti sei diversi sport di cui tre in palestra e tre nei giardini esterni.
All’interno il campo da gioco è stato suddiviso in tre parti dedicate a pallacanestro, giocoleria e fitball; all’esterno invece sono stati preparati i campi per partite di calcetto, rugby e baseball.
La giornata, come detto è iniziata alle 9:00 con la presentazione dei docenti e degli istruttori esterni e dell’attività che da li a poco sarebbe iniziata.
Alle 09:30 circa sono iniziati i giochi. 20 minuti per ogni stazione sportiva. Tutte le classi prime e seconde si sono quindi cimentati in esperienze motorie a loro estranee come l’utilizzo del monociclo, delle clavette e dei dischi nella stazione “giocoleria” che ha messo a dura prova le loro capacità di equilibrio, ritmo e coordinazione; si sono divertite a giocare, saltare, lanciare e calciare le fitball; si sono sfidate in gare di tiro a canestro e in mini-partite di calcio; hanno imparato a placcare e a non mollare di fronte a qualche botta con la palla ovale ed infine, muniti di guantoni e mazza hanno corso tra le basi del baseball.
Un’esperienza unica, molto ben riuscita e con una grande partecipazione.
Il tutto organizzato e gestito dalla promozione sportiva del Friuli Venezia Giulia, con il professor Claudio Bardini come sempre attivissimo e preciso nella sua infinita passione per lo sport e la promozione di una cultura sportiva soprattutto tra i giovanissimi.
Ciliegina sulla torta di una giornata all’insegna dello sport e graziata da un caldo sole primaverile, la testimonianza di Enzo Del Forno, campione olimpico di salto in alto a Monaco nel 1972 e Luca Toso, suo discepolo, anche lui impegnato nel salto in alto alle olimpiadi di Seul nel 1988.
Nel brain-storming finale sono emersi i concetti fondamentali alla base di ogni sport: passione, tenacia, sacrifici. Non esistono scorciatoie.
Un ringraziamento davvero sentito quindi a tutte le persone che si sono adoperate per l’ottima riuscita dell’evento: alle società sportive del rugby Udine, dell’Europa baseball di Castions delle mura, al sempreverde professor Ugo Cauz, alla tutor dell’Enaip Federica Moznich e al giocoliere che ha intrattenuto e messo a dura prova le capacità atletico/fisiche dei ragazzi.
Un ringraziamento particolare a Enzo Del Forno e Luca Toso per la disponibilità dimostrata, al tutor Maurizio Battistutta sempre attivo ed attento ad organizzare eventi stimolanti per gli studenti e, ovviamente al professor Claudio Bardini che con la sua capacità comunicativa e le sue competenze nel gestire ed organizzare eventi sportivi riscuote notevole successo.

Rugby


Fitball

Baseball

Giocoleria

Giocoleria

Enzo Del Forno

Luca Toso

Foto di Gruppo

Gli organizzatori

venerdì 25 maggio 2012

Train your Brain - Lignano Sabbiadoro 16/06/2012



TRAIN YOUR BRAIN

3 ore di attività
2 professionisti al tuo servizio
1 scopo unico: Il tuo benessere psicofisico

 Nell’incantevole cornice di Lignano Sabbiadoro, uno Psicologo e un
  Chinesiologo ti guideranno in un’esperienza unica nel suo genere:

L’ATTIVITÀ MOTORIA
INCONTRA LA MEDITAZIONE
Partecipa anche tu all’incontro esperenziale
organizzato dai dottori Andrea Neri e Francesco Rosso.

SABATO 16 GIUGNO - ORE 16:00

Ritrovo presso l’Ufficio Spiaggia 19
di Lignano Sabbiadoro
ore 16.00



I posti sono limitati – Per informazioni e costi:
Dott. Francesco Rosso – 340.58.41.959 – info@francescorosso.net
Dott. Andrea Neri – 339.53.52.448 – psico.neri@virgilio.it


Sono richiesti uno zaino con asciugamano,
tappetino e bottiglia d’acqua
.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...